Il Prof. Mario Floris nello staff tecnico del CAB Stamura

Il Prof. Mario Floris nello staff tecnico del CAB Stamura
  • in

Con grande soddisfazione e orgoglio il CAB Stamura comunica l’avvenuta
definizione di un progetto di formazione e supporto tecnico realizzato con il fondamentale contributo del Prof.Mario Floris che svolgerà la funzione di tutor dell’intero parco allenatori e istruttori della Società stamurina.il Prof.Floris sarà periodicamente al servizio degli allenatori del CAB Stamura collaborando a stretto contatto con ognuno di loro e di riflesso con le rispettive squadre e gruppi di giovani atleti, il tutto con l’unico scopo di permettere una crescita dell’intero movimento. Saranno pertanto organizzati lungo la stagione clinic di specializzazione con quello che è ritenuto senza mezzi termini “un maestro del basket” che prenderà parte anche alla vita dei ragazzi in palestra. Insomma, un valore aggiunto di inestimabile valore per crescere e migliorarsi.
Mario Floris non è certo un nome nuovo per chi segue il CAB Stamura. Il connubio tra la Società dorica e l’allenatore di origini sarde dura ormai da anni visto che Floris è anche il Direttore Tecnico Camp di Specializzazione dell’Eurocamp di Cesenatico, progetto estivo condiviso ormai da più di un decennio proprio dal CAB. Ma Mario Floris non è solo Eurocamp. Nato a Dolianova, nel cagliaritano, il 5 settembre 1956, ha insegnato nelle scuole superiori in Sardegna coltivando da subito la sua grande passione per la pallacanestro. Allenatore in vari settori giovanili fino alla Serie B2. Agli inizi degli anni ’90 è alla Juve Caserta come responsabile del settore giovanile ottenendo ottimi risultati. La sua esperienza si arricchisce con il ruolo di collaboratore nel Settore Squadre Nazionali. Ricopre varie volte il ruolo di relatore nei clinic di specializzazione per settori giovanili, organizza e dirige corsi per tecnici e operatori sportivi, diventa capo istruttore del CNA a cavallo tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del nuovo millennio. Negli anni sono innumerevoli le sue collaborazioni con il mondo del basket giovanile che lo elevano a tal punto da farlo diventare punto di riferimento per la formazione di allenatori e istruttori capace di dare servizi e linee guida alle Società. Dal 1999 si mette alla dirigenza dell’Eurocamp di Cesenatico, con la figura dedicata alla parte di alta specializzazione tecnica per giocatori di pallacanestro. La sua carriera tocca anche Viterbo (responsabile tecnico e formatore dello staff nella squadra di pallacanestro di A1 femminile nel 2005/2006), Modena (responsabile tecnico Scuola Basket Modenese con cui raggiunge la finale nazionale) dove allena anche la prima squadra cogliendo una bella salvezza in B2 alla guida di un gruppo Under 20. In Emilia collabora in prima persona alla creazione di progetti rivolti ai bambini, apre collaborazioni con palestre guidando la formazione dei relativi staff, e dirige anche gruppi di basket in carrozzina. Nel frattempo sulla panchina guida Modena in B1 (stagione 07/08). Sono innumerevoli negli anni le sue partecipazioni come relatore a clinic validi per l’aggiornamento per i tecnici, e più di una circostanza il suo intervento diventa prodotto di riflessione per l’organizzazione vera e propria dell’attività sportiva. Nel 2009, le competenze sviluppare nell’ambito della formazione e la sua esperienza di allenatore di pallacanestro, Floris è chiamato a rivestire il ruolo di responsabile tecnico del progetto Basketball Generation della Mens Sana Siena, un progetto che porta la Società senese a instaurare rapporti su tutto il territorio nazionale con oltre 300 società coinvolte. Una delle novità principali arriva nella stagione 09/10 con l’introduzione del Corso di Formazione permanente per allenatori, a cui intervengono tecnici provenienti da tutta Italia e che ha come mission principale quella di qualificare nel modo più approfondito possibile la figura degli allenatori sviluppandone le competenze tecnico-tattiche. Nel 2015 pubblica il libro “Campioni di se stessi” con l’obiettivo di proporre un percorso significativo per crescere con la palla da basket in mano. Il suo percorso professionale continua negli ultimi anni abbracciando vari progetti, non ultimo quello dello scorso mese di giugno a Cagliari del Basket Special Camp che ha messo insieme i giovani del basket e gli atleti “speciali” ovvero ragazzi con problematiche sia di tipo cognitivo che fisico. Una vera e propria inclusione sociale e sportiva fatta di allenamenti e giochi tutti insieme.
Ora per un “maestro della pallacanestro” arriva il coinvolgimento ancor più approfondito e continuo con il CAB Stamura per contribuire a una ulteriore crescita degli allenatori che si rifletterà sull’intero movimento colorato di biancoverde.

.